È stata sfollata una famiglia a seguito di un nuovo crollo in via Mistretta.
Dopo il primo cedimento, nei giorni scorsi, di una parte del tetto di una casa abbandonata, sabato mattina la copertura è definitivamente crollata. L’immobile che versava in pessime condizioni, già da qualche tempo, era motivo di dissidio tra alcuni residenti e gli organi comunali competenti cui era stato chiesto un accertamento della proprietà che avrebbe dovuto chiarire l’appartenenza dello stabile se ascrivibile al patrimonio comunale o a quello di privati.

Una lentezza quella amministrativa che aveva gettato nel panico la scorsa settimana la famiglia residente affianco al fabbricato, la quale nel cuore della notte era stata svegliata dal frastuono del primo crollo. Sabato, dopo il crollo definitivo, i vigili del fuoco di Salemi e Castelvetrano e la protezione civile di Salemi intervenuti tempestivamente, hanno sollecitato lo sfollamento della famiglia che volontariamente, come comunica il capo della Polizia Municipale ha abbandonato la propria abitazione senza necessità di una ordinanza comunale.

La famiglia la cui casa ha un muro in comune con il vecchio immobile, prima di decidere sul da farsi dovrà aspettare il rientro dalle ferie dei tecnici comunali responsabili i quali, a seguito dei vari problemi che serrano la macchina amministrativa sono obbligati ad una reperibilità che si basa solo sulla propria coscienza personale. (*AGO*)

Agostina Marchese – Giornale di Sicilia

Profilo della Redazione. Con questo account verranno pubblicati i comunicati stampa, le notizie riportate da altri siti ed altro materiale generico.

No Comments

You must be logged in to post a comment.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: