L’invito giunge dal CNA di Salemi di cui del direttivo fanno parte Antonino Caradonna in qualità di presidente (che ha preso il posto di Antonino Gucciardi),  Angelo Gisone (vicepresidente), Gianni Armata (segretario), Giuseppe Messina, Maurizio Armata, Giovanni Monticciolo, Angelo Caradonna, Salvatore Russo e Giuseppe Ardagna.

Una proposta al quanto importante per la situazione di crisi attualmente esistente in Italia, a maggior ragione in una piccola cittadina della (secondo sondaggi) provincia più arretrata d’Italia. Tutti in piazza a manifestare, in modo del tutto civile.

I motivi della manifestazione sono abbastanza chiari e leggibili nel volantino che hanno sparso nella città: diminuzione della pressione fiscale.

Argomento più consono e attuale non poteva che essere questo, oggi, a Salemi. Da qualche giorno i commercianti lamentano un’azione poco servile e poco intelligente contro l’economia salemitana, messa già in ginocchio dalla situazione attuale.

Da settimane i Vigili Urbani girano scattando foto alle insegne di quelle attività che non pagano i tributi per la pubblica affissione delle insegne pubblicitarie del proprio negozio. Non è un caso, e nemmeno una pazzia, se per caso in giro per “la bella Salemi” avete notato dei sacchi dell’immondizia che censurano il marchio per cui ogni negoziante dovrebbe andare fiero.

Oggi le piccole e micro imprese lottano contro le multinazionali che ricevono contributi statali, aiuti dal governo e comunque favoriscono la vendita dei prodotti ad un minor prezzo grazie alla legge dell’esportazione-importazione che favorisce l’abbassamento dei prezzi (e nello stesso della qualità…).

Oggi il CNA di Salemi invita tutti Giovedì 23 Gennaio 2014 alle ore 10.30 in Piazza Libertà di Salemi. Si tratterà di una manifestazione e successivamente di un corteo di protesta con “Sit-In” al Municipio: per reagire alla crisi e rivendicare la diminuzione della pressione fiscale (Tares, Imu, Iuc, ecc…)

A ciò devono dare risposta i commissari e quei vigili che per giustificare un controllo mai, e aggiungo ingiustamente, fatto rispondo ad alcuni commercianti: il comune è in crisi, mancano soldi e dobbiamo controllare  e multare chi non è in regola.

Come se non in regola si diventa da un giorno all’altro. Da un anno all’altro, tanto che alcuni commercianti nemmeno erano a conoscenza di questa legge (pensate quanti controlli quindi in passato e quante “messe a conoscenza…”) uscita fuori magicamente in questo 2014 che forse servirà a sistemare qualcosa, a rimanere come siamo o a cadere ancora più in basso: Maggio è vicino e ce ne saranno delle belle.

Profilo della Redazione. Con questo account verranno pubblicati i comunicati stampa, le notizie riportate da altri siti ed altro materiale generico.

No Comments

You must be logged in to post a comment.