Oggi 25 dicembre festeggiamo il Santo Natale e, come sempre, questa festa per noi rappresenta la riscoperta dei Valori e degli affetti.
Tanti di noi Giovani tornano da una terra che non è loro per ricongiungersi, finalmente, con amici e parenti. Sono tante le tradizioni che conosciamo e rispettiamo, come l’albero, i regali, i pranzi, le giocate, la messa di Natale e soprattutto quello spirito che ci rende più vicini, più uniti e più fratelli.
Oggi, però, vogliamo parlare di una tradizione perduta, superata, che non conosciamo. Una tradizione che suona quasi come uno schiaffo in faccia al consumismo natalizio, che ci fa capire che anche con poco siamo amati, che è il più bel regalo che possiamo ricevere è quello che ci viene fatto con sacrificio e sudore e tutto questo viene rispecchiato nella tradizione perduta del “Carcocciolo”.
Come è vero è diffuso sono i bambini a sentire di più il Natale ed è per loro che le famiglie fanno i salti mortali per donare qualcosa che gli porti tanta gioia e felicità.
Molti decenni fa, però, le cose non andavano così bene per tutti, la povertà regalava sovrana ed anche regalare dolciumi, per una famiglia media, era difficoltoso economicamente, ma nessuna madre avrebbe mai lasciato il proprio bambino senza qualcosa di dolce da mangiare a Natale…nasce così IL CARCOCCIOLO!


Il “carcocciolo”( Traduzione siciliana della parola Carciofo) era un pane di piccole dimensioni che veniva lavorato a più livelli con dei “piani” a forma di stella, i quali gli conferivano una forma rassomigliante ad un tradizionale carciofo. Questi pani, cavi internamente, venivano riempiti con delle farciture povere come i classici “fichi secchi” e donati ai bambini che potevano così avere, seppur con una ricetta un po’ originale, il loro dolce di Natale.
Ormai viviamo in un epoca in cui il consumismo ha preso il sopravvento, nessun bambino si accontenterebbe di un dono così magro. Proprio per questo, augurandovi buon Natale, vi ricordiamo che i veri doni sono quelli che riceviamo ogni giorni, quelli che ci permettono di vivere e di essere amati!
Buon Natale, dai Giovani di Salemi!

 

dal Progetto “Promozione Sociale e Culturale” dei Giovani di Salemi (Un contenuto di Loris Levante)

Profilo della Redazione. Con questo account verranno pubblicati i comunicati stampa, le notizie riportate da altri siti ed altro materiale generico.

No Comments

You must be logged in to post a comment.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: