In un modo di batteri estremi, vivere senza ossigeno o vicino a vulcani sottomarini non ci si stupisce facilmente. Ma poi si scopre che ci sono batteri che vivono di elettricità, cibandosi direttamente di elettroni liberi. Ancora in modo più sorprendente, gli scienziati stanno scoprendo che questi batteri non sono neanche poi così rari.

“Mettete un elettrodo nel terreno, date corrente, e verranno”, così inizia l’articolo pubblicato su New Scientist sui microbi mangia-elettricità.
Al momento sono stati isolati due specie di batteri che mangiano elettricità: Shewanella e Geobacter.

Ma come gli scienziati mettono i loro elettrodi in pozzi, fanghi e miniere d’oro, trovano che ci sono diversi tipi di batteri mangia-elettricità.

Quello che sorprende è che tutti questi elettroni liberi sono pericolosi. Batteri che mangiano elettricità sono come uomini che si “ricaricano mettendo le dita nella presa di corrente”. dice un ricercatore. Questi batteri ottengono energia nella loro forma più pura, come elettroni.
Anche il resto di noi, intendendo il resto di tutta la vita sulla Terra, utilizza gli elettroni per ottenere di energia, ma lo fa attraverso complesse cascate metaboliche che vedono protagonista la molecola ATP. 
Come questi batteri gestiscano gli elettroni tuttavia è ancora un mistero.
Alla University of Southern California, Kenneth Nealson sta cercando di far crescere i batteri direttamente sugli elettrodi.
La possibilità i realizzare delle colture è il punto di partenza per l’intrigante idea di poterli utilizzare: che sia l’inizio per avere dei biocavi elettrici che trasmettono e vivono di elettricità?

Profilo della Redazione. Con questo account verranno pubblicati i comunicati stampa, le notizie riportate da altri siti ed altro materiale generico.

No Comments

You must be logged in to post a comment.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: